IL BLOG SI E' TRASFERITO QUI

scegliere | SCEGLIERE | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Diventa consapevole delle tue decisioni
18 gennaio 2013
SIAMO QUELLO CHE BEVIAMO

 

Nel postBisogni essenzialiabbiamo visto come i bisogni primari non sono altro che le nostre necessità materiali, ciò che ci è necessario per sopravvivere prima che per vivere, in particolare laria, lacqua, il cibo, regolare la temperatura corporea (es: riscaldarsi con i vestiti), il sonno e difese efficaci per proteggersi da predatori o eventi naturali. Siamo carne e sangue e per continuare a vivere dobbiamo alimentare il nostro corpo di aria, acqua e cibo necessari al funzionamento delle cellule che lo compongono. La necessità di procurarsi tutto questo influenza e determina la nostra vita e in certe situazioni spinge luomo a scelte e comportamenti estremi. Tutto o quasi scivola in secondo piano come importanza davanti a una necessità primaria non soddisfatta.

Nel postSiamo quello che mangiamo” abbiamo parlato del bisogno di cibo e dell'alimentazione, cioè del nutrirsi con sostanze organiche commestibili prese dall’ambiente per assimilarle attraverso il nostro apparato digerente, capace di trasformare la sostanza organica in elementi utili alle cellule del nostro organismo. Abbiamo visto come ciò che introduciamo nel nostro corpo non solo ne assicura la sopravvivenza e la vita, ma diventa parte di noi e come l’eccesso di cibo, specialmente di cibo spazzatura, colpisce la nostra salute, può provocare danni gravi e perfino la morte, mentre un'alimentazione equilibrata e sana può diventare un mezzo per curare se stessi e ritrovare la salute.

Oggi parleremo di un aspetto dell’alimentazione: l'assunzione di acqua e liquidi, in risposta al bisogno di bere.

Siamo sicuri che bere acqua sia un bisogno?

E' proprio necessario bere acqua? Non possiamo farne a meno? Per esempio traendo l'acqua dagli alimenti?

Naturalmente la risposta è no, non possiamo farne a meno. Alcune specie animali e certi insetti traggono la maggior parte dell'acqua di cui hanno bisogno dal cibo o dalle prede che mangiano, ma noi uomini abbiamo bisogno di quantità notevoli di acqua. Vediamo perché e cerchiamo di capire qual è il nostro rapporto con l'acqua.

Il peso di un uomo adulto normale e sano è composto per circa il 60% di acqua, in una donna è il 50% e in un bambino è oltre il 70%. Nel corpo umano l'acqua si accumula per circa i due terzi all'interno delle cellule e il rimanente nei liquidi extracellulari come il sangue, la linfa, il liquido interstiziale e via dicendo. L'acqua corporea è distribuita principalmente nel tessuto non adiposo e costituisce circa il 70% della massa magra

L'acqua nel corpo umano svolge innumerevoli funzioni vitali: per esempio è un ottimo solvente per le sostanze biochimiche, favorisce i processi digestivi, è un ottimo lubrificante per esempio per le articolazioni, gli occhi e la bocca, consente il trasporto dei nutrienti, regola la temperatura corporea, è fondamentale per la rimozione delle scorie metaboliche, funge da ammortizzatore tra gli organi, regola il volume cellulare e molto altro ancora. Il bilancio dell'acqua è regolato dall'ipotalamo e dall'ormone antidiuretico che aumenta il riassorbimento a livello renale.

Perché abbiamo bisogno di molta acqua?

Per diversi motivi, per esempio perché per il nostro organismo è fondamentale mantenere la stessa concentrazione sostanze disciolte (omeostasi) tra i liquidi intracellulari e quelli interstiziali. Il volume della cellula dipende appunto da questo e se la differenza diventa eccessiva la cellula potrebbe gonfiarsi o raggrinzirsi in modo eccessivo e subire danni anche gravi alle strutture cellulari. Un altro motivo è la necessità di mantenere costante il volume del sangue per mantenere una buona funzionalità cardiaca. In caso contrario si potrebbe avere un aumento della pressione sanguigna, oppure una diminuzione e il rischio di affaticare il cuore.

Di conseguenza abbiamo bisogno di ripristinare l'acqua che perdiamo per i nostri processi fisiologici (sudorazione, minzione, ecc) in modo che il bilancio complessivo sia più o meno in pareggio. Il fabbisogno di un adulto è di circa 2-3 litri di acqua al giorno, a seconda della stagione, che in parte assumiamo con gli alimenti e in parte deriva dalle reazioni biochimiche che si svolgono all'interno del nostro organismo. Il resto lo dobbiamo assumere bevendo.

Quale acqua bevi?

L'acqua non è tutta uguale, anzi cambia notevolmente a seconda delle sostanze disciolte in essa. Dall'acqua traiamo molti dei sali necessari al nostro organismo, ma se l'acqua contiene sostanze in eccesso oppure è inquinata con sostanze tossiche o nocive può procurarci problemi di salute anche gravi. Quindi è importante controllare l'acqua che beviamo, per esempio informandoci sulle caratteristiche dell'acqua che esce dai rubinetti presso l'Arpa e i gestori dell'acqua pubblica, e spendere qualche soldo per fare analizzare l'acqua di casa per verificare se il nostro impianto è a norma o ha qualche problema nascosto.

Non è un invito a bene acqua minerale, anzi, molte indagini hanno dimostrato che nella maggior parte della nostra penisola l'acqua che esce dal nostro rubinetto è buona e migliore di molte acque minerali che tra l'altro contribuiscono a inquinare l'ambiente, per la produzione e lo smaltimento delle bottiglie.

E le altre bevande?

Certo, possiamo assumere acqua con succhi di frutta, frullati, latte, bevande industriali, alcolici e così via, ma in questo modo introduciamo nel nostro organismo anche altre sostanze e alimenti a cui dovremmo fare attenzione. Ti ricordo quanto abbiamo già detto sull'alimentazione: dovrebbe essere spontaneo per tutti avere cura della nostra alimentazione, scegliendo gli alimenti migliori e assumendone le quantità necessarie, invece se osserviamo la nostra società vediamo che le persone mangiano troppo e male. L’eccesso di cibo, specialmente di cibo industriale o cibo spazzatura, colpisce la nostra salute, provocare danni gravi fino alla morte. Quindi scegli con attenzione quello che bevi.

Ti sei mai chiesto quale effetto hanno gli alcolici e le bevande gasate sulla nostra salute?

Come vengono prodotti? Da cosa sono composti? Che effetto hanno sull'organismo umano?

Ricorda sempre che le scelte che facciamo quando mangiamo e beviamo o quando facciamo la spesa possono minacciare la nostra salute e determinare la qualità della nostra vita. Quindi dobbiamo smettere di essere consumatori passivi di quello che altri ci mettono davanti, non credi? Dobbiamo essere noi a decidere cosa mangiare e bere e per farlo dobbiamo informarci su quello che mettiamo nel piatto o nel bicchiere.

Inizia a pensare a quello che bevi prima di versartelo in bocca.

Per stasera ci fermiamo qui, ma nonostante questo non sia un sito dedicato all'alimentazione, credo valga la pena soffermarsi di più sull’argomento.

Grazie dellattenzione e ricorda sempre: noi siamo quello che mangiamo, noi siamo quello che beviamo. Se mangiamo o beviamo schifezze, noi saremo schifezze o lo sarà la nostra vita.

A presto ;D


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. siamo beviamo bisogni acqua essenziali bisogno bevande

permalink | inviato da Elnor il 18/1/2013 alle 20:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SOCIETA'
1 aprile 2012
BISOGNI ESSENZIALI

 

Stasera parliamo dei bisogni essenziali, o per essere più chiari delle necessità dell'uomo.

Nel post “Ciò che spinge l'uomo”, constatavamo che piacere e dolore sono le due chiavi essenziali che ci spingono ad agire: vogliamo evitare il dolore e ricevere piacere. Questo è l'essenza dei nostri bisogni, siano essi materiali o psicologici. E' intrinseco nella nostra natura biologica e psicologica di esseri umani, nella chimica delle nostre emozioni, nel modo con cui la vita modella i tracciati della nostra mente con quelle che noi chiamiamo esperienze. Il quesito "piacere o dolore" è una componente radicata alla parte più primitiva del nostro cervello e sempre presente nelle nostre scelte, che non dobbiamo sottovalutare.

Sempre nel post “Ciò che spinge l'uomo” e in quelli successivi “Ciò che spinge l'uomo-2” e 3, abbiamo esaminato i bisogni emotivi fondamentali dell'uomo: il bisogno di sicurezza, di varietà, di sentirsi importanti, di amore, di crescere e di condivisione. Abbiamo compreso cosa sono e come influenzano le nostre azioni e le nostre scelte.

Oltre a questi bisogni psicologici, ci sono altri bisogni capaci di determinare le nostre azioni e le nostre scelte, bisogni basilari, individuali, primari, essenziali, necessità legate alla nostra natura materiale che in situazioni estreme o particolari si dimostrano molto più importanti e prioritari degli bisogni emotivi, psicologici, sociali.

Quali sono questi bisogni?

I bisogni essenziali o primari sono le nostre necessità materiali, ciò che ci è necessario per sopravvivere prima che per vivere, cioè: l'aria, l'acqua, il cibo, regolare la temperatura corporea (es: riscaldarsi con i vestiti), il sonno e difese efficaci per proteggersi da predatori o eventi naturali.

E' intrinseco nella nostra natura che agiamo per procurarci ciò che ci è indispensabile per continuare a vivere. Senza aria non possiamo vivere che per pochi minuti, senza acqua possiamo vivere per pochi giorni, senza cibo per poche settimane, senza strumenti di termoregolazione non possiamo sopravvivere in certe aree della terra e non possiamo sopravvivere agli inverni in ampie aree del pianeta. Inoltre senza sonno subiamo danni mentali permanenti e viene distorta la nostra visione della realtà, e infine senza difese non possiamo sopravvivere a lungo alle minacce dell'ambiente o della società in cui viviamo.

La necessità di procurarsi queste cose, spinge l'uomo a comportamenti estremi, anche socialmente riprovevoli. Per esempio, sono diversi i casi di cannibalismo in individui e gruppi costretti in situazioni estreme, come sopravvivere alla caduta di un aereo in zone impervie di alta montagna, o isolamento invernale, o isolamento per conflitto militare. Quando la fame artiglia le budella, la mente stenta a rimanere lucida. Noi abitanti dei paesi occidentali difficilmente sappiamo cosa significhi la parola fame. Prova a immaginare di avere difficoltà a procurarti il cibo necessario tutti i giorni.

Secondo te, quale sarebbe il tuo pensiero più ricorrente?

Ammettiamolo, siamo carne e sangue e per continuare a vivere dobbiamo alimentare il nostro corpo di aria, acqua e cibo necessari al funzionamento delle cellule che lo compongono. E dobbiamo mantenerlo in grado di funzionare, dormendo, proteggendolo dal freddo e dalle minacce fisiche.

Quanto tempo della nostra giornata dedichiamo a tutto questo?

Pensaci. No, non parlo solo del tempo che dedichiamo ai pasti e al sonno, ma del tempo che dedichiamo per ottenere le risorse necessarie per soddisfare i nostri bisogni primari.

Perché lavori?

Certo anche per quello, ma lavoriamo per guadagnare uno stipendio con cui garantirci principalmente cibo, vestiti e una casa. A dirla tutta, una persona normale dedica almeno i tre quarti del suo tempo per soddisfare le necessità primarie.

Secondo te, quanto pesano i bisogni essenziali sulle nostre scelte?

Esatto. I bisogni essenziali hanno un'importanza critica, tanto che tutto o quasi scivola in secondo piano come importanza davanti a una necessità primaria non soddisfatta. Tanto che facciamo di tutto per soddisfare i nostri bisogni essenziali.

Se sei povero e non hai le risorse per garantire la casa e il cibo per te e la tua famiglia, quale sarà lo scopo delle tue giornate? Su cosa concentrerai tutta la tua attenzione e le tue attività? Cosa saresti disposto a fare per ottenere queste risorse?

Sono d'accordo con te. Un essere umano che deve soddisfare i suoi bisogni essenziali è un essere umano prevedibile e controllabile, anzi controllato e sottomesso. E chi controlla le risorse necessarie ai bisogni primari ha potere su chi non ha risorse.

Perché il mondo sembra correre attorno all'accumulazione di ricchezza, oggi come nel passato?

Perché chi è ricco può soddisfare i bisogni essenziali e anche gli altri, e chi è povero è disposto a tutto per soddisfare le necessità primarie, non pensa a molto altro, è controllabile e non può competere con i ricchi.

Chi ne controlla i bisogni, controlla gli esseri viventi.

Per stasera è tutto, nei prossimi post esamineremo i singoli bisogni essenziali e valuteremo il peso di ognuno sulle nostre scelte e la nostra vita. Come sempre ti invito a esprimere la tua opinione o i tuoi dubbi lasciando un commento.

Grazie dell'attenzione e a presto ;D

sfoglia
   dicembre        febbraio

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Scegliere

Ogni scelta che facciamo modella la nostra vita. Ogni singola scelta. E' fondamentale per ognuno di noi diventare consapevoli delle nostre decisioniQuesto blog vuole fornire spunti, informazioni, risposte, domande e risorse sul "prendere decisioni".

Gli argomenti trattati sono: l'informazione, la psicologia, il coaching, i bisogni umani, le emozioni, la consapevolezza.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono concessi in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

 

Liquida

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Directory

Aggregatore

Informazione

GiornaleBlog Notizie dai Blog Italiani

modificare foto

WebShake – intrattenimento

Directory Yoweb.it

hostgator coupon

Miglior Blog




IL CANNOCCHIALE