IL BLOG SI E' TRASFERITO QUI

scegliere | SCEGLIERE | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Diventa consapevole delle tue decisioni
POLITICA
14 febbraio 2013
PAROLE PER PENSARE – Storia del potere

Stasera ti propongo un video interessante, ma impegnativo, una sfida per il tuo senso critico.

E' il tentativo di Paolo Barnard di dare volto e nomi al vero potere, promotore di molti dei grandi cambiamenti economici e sociali degli ultimi 50 anni. In circa 40 minuti, il giornalista offre una visione diversa della storia moderna e, attraverso indagini e documenti, una ricostruzione sintetica della storia del vero potere.

Paolo Barnard è un giornalista di notevole esperienza, ha lavorato per numerosi quotidiani, periodici e riviste, per agenzie di stampa e testate online. Ha lavorato per la RAI con Samarcanda durante la Guerra del Golfo nel 1991 ed è cofondatore della famosa trasmissione Report per cui ha lavorato dieci anni, dal 1994 al 2004. Paolo Barnard è anche scrittore e ha scritto libri su terrorismo internazionale, la Palestina e lumanizzazione della Medicina. Qui puoi trovare la pagina relativa su wikipedia, qui il suo sito.

Una volta ancora ti invito ad ascoltare con senso critico quanto espone e narra, a prendere appunti e a verificare le molte informazioni presso altre fonti. Io l'ho fatto e con molte sorprese. Come sempre ti invito a usare la tua testa.

Buon visione a presto ;D

CULTURA
27 gennaio 2013
PAROLE PER PENSARE – Il potere finanziario e politico in Italia

Ti propongo un altro video, uno sguardo alla realtà del potere in Italia.

E' l'intervento di Roberto Vassalle all'undicesima puntata di Servizio Pubblico, a cui Santoro chiede dei legami tra politica e finanza. La risposta dell’avvocato è lucida e precisa nel ricostruire, nei pochi minuti a sua disposizione, le connessioni tra la classe politica italiana e il potere finanziario. Il quadro inquietante che ne risulta spinge a porsi domande, molte domande.

Sulla classe politica, che non rappresenta altro che se stessa e gli interessi delle classi dominanti. Su di noi, cittadini italiani, e sulla nostra deriva culturale e morale. Sul potere manipolatore dei media sulle coscienze degli individui. Ma soprattutto, quali sono gli interessi che hanno tirato le fila e disegnato gli eventi degli ultimi vent’anni?

Roberto Vassalle è l’avvocato mantovano famoso per le sentenze ottenute contro le attività illecite delle banche e contro le truffe finanziarie. E’ stato il primo a ottenere negli anni novanta una sentenza contro l’anatocismo, ovvero il calcolo di interessi sugli interessi, e l’uso di piazza, con cui le banche applicavano tassi di interesse più alti alla clientela. Qui puoi trovare la pagina di Liquida che lo riguarda, qui il servizio di Report del 2002 relativo alle banche e a Vassalle.

Come sempre ti invito ad ascoltare con senso critico quanto viene detto e a verificare le informazioni riportate. Ti invito anche ad approfondire quei temi che ritieni importanti.

Buona visione e a presto ;D

Qui puoi trovare gli altri video della rubrica

ECONOMIA
25 marzo 2012
Chi sono gli speculatori in titoli di stato italiani?

  

Nel post “Chi sono gli speculatori?” abbiamo dato un nome ai grandi speculatori e cercato di capire perché lo fanno e come ci riescono. Abbiamo infine concluso che speculazione non è altro che “la sottrazione di denaro alla maggioranza che ne ha poco a beneficio della minoranza che ne ha molto”, attraverso strumenti finanziari concepiti appositamente per sottrarre valore e beni dall'economia reale.

Stasera ci soffermeremo su un aspetto di tutto questo che ci tocca da vicino: gli speculatori dei titoli di stato. Nell'immagine sovrastante trovate la lista degli “specialisti in titoli di stato” attraverso cui, nell'era dell'euro, lo stato italiano deve passare per ottenere la liquidità che gli spetterebbe per definizione. Sono un elenco di banche nominate da Bankitalia che possono partecipare alle aste pubbliche (ben poco pubbliche in effetti) attraverso le quali lo stato vende titoli pubblici. Quindi queste banche comprano per primi il nostro debito pubblico e lo rivendono poi ad altre banche che a loro volta rivendono i titoli fino ai piccoli investitori, per esempio al pensionato con qualche soldo da parte. Lo fanno per il guadagno garantito delle commissioni bancarie, ma questa situazione permette loro ben altro.

Se leggi i nomi di questi “specialisti” e li confronti con gli speculatori citati nel post “Chi sono gli speculatori?” e con i gruppi elencati nel post “Le aziende che controllano il mondo”, scoprirai molte corrispondenze niente affatto casuali.

Costoro di fatto decidono il “prezzo” dei titoli, decidono lo spread e gli interessi e possono non presentarsi alle aste. Di fatto costoro soffocano l'economia italiana, quella reale, e possono perfino farla fallire aumentando in modo eccessivo gli interessi sul debito pubblico, ma non ne hanno alcuna intenzione perché ne sarebbero colpiti anche loro. Il loro scopo è fare soldi e il modo migliore per farlo è saccheggiare, sottrarre valore al denaro circolante, costringere la politica a scelte che li favoriscono e la società a ingoiare l'amaro boccone di tasse e tagli.

Stiamo assistendo a un progressivo accentramento di potere nelle mani di banche private, ottenuto attraverso la globalizzazione delle transazioni finanziarie, realizzata con la manipolazione e la demolizione delle legislazioni dei singoli stati, spesso ottenuta attraverso l'istituzione e il controllo di organismi internazionali come il Fondo monetario internazionale.

Fin dove si spingerà questa situazione?

Fino al punto di rottura del sistema?

Tu cosa ne pensi?

A presto ;D

Qui trovi il documento ufficiale, l'elenco degli specialisti per il 2010.

CULTURA
14 gennaio 2012
LE AZIENDE CHE CONTROLLANO IL MONDO

   

L'estate scorsa tre ricercatori svizzeri che studiano i sistemi complessi presso l'Istituto di Tecnologia di Zurigo (Stefania Vitali, James B. Glattfelder e Stefano Battiston) hanno pubblicato uno studio che analizza le relazioni tra 43mila imprese transnazionali intitolato "La rete globale del controllo societario".

La ricerca nasce da un database, Orbis 2007, relativo a 37 milioni tra aziende e investitori di tutto il mondo, su cui è stato costruito un modello di società controllate attraverso reti di partecipazione, che tiene in considerazione i ricavi operativi di ciascuna azienda, per mappare la struttura del potere economico.

Sintetizzando le conclusioni dello studio, un numero relativamente ridotto di aziende, per la maggior parte banche o imprese finanziarie, sono in possesso di un potere di controllo sproporzionato sull'economia globale. Meno di 800 grandi corporation controllano l'80% delle più importanti imprese del mondo e, di queste, 147 controllano il 40% del potere finanziario del pianeta. Lo ripeto: meno dell'1% delle società transnazionali controlla il 40% dell'economia mondiale. La foto in alto rappresenta 1300 corporation internazionali, legate mediamente ad altre 20 aziende, che formano il cuore dell'economia mondiale.

Cosa ne pensi?

La notizia è straordinaria, ma non ti vedo sorpreso. Beh, non lo sono neppure io. La notizia che un pugno di banche controlla la maggior parte dell'economia mondiale non è nuova, ma è la prima volta che uno studio scientifico va oltre l'ideologia e dimostra quello che da anni sostengono bloggers, manifestanti, complottisti, eccetera. 

Studi precedenti avevano già determinato che un piccolo gruppo di corporation possedeva grandi pezzi delleconomia mondiale, ma si basavano su dati limitati, perciò non avevano potuto determinare quanto queste aziende influissero sulleconomia mondiale e se la rendessero più o meno stabile.

A questo proposito i risultati dello studio svizzero sottolineano che una tale concentrazione di potere, con una crisi come quella che stiamo attraversando, potrebbe risultare molto pericolosa per l'intero sistema. Non solo queste società transnazionali possono influenzare pesantemente e perfino demolire l'economia di un singolo stato, ma il collasso di una di queste compagnie può avere ripercussioni devastanti per l'intera economia del pianeta.

C'è un modo per prevenire questo?

No, sostanzialmente no. Il problema è un conflitto di interessi di dimensioni planetarie, un fitto intreccio tra economia e politica che rende impossibile l'adozione di misure di sicurezza globali, di ammortizzatori capaci di proteggere le economie nazionali e locali, la società civile e l'individuo dalle mire e soprattutto dalla caduta di questi giganti. Perché l'affermazione "troppo grande per fallire" applicata spesso alle grandi multinazionali è un'illusione o una speranza che non tiene conto della realtà.

Aldilà delle conclusioni dello studio voglio attirare la tua attenzione su due punti, impliciti o conseguenti a quanto detto finora:

1) il potere non è più nelle mani degli stati, ma stiamo assistendo a un processo di trasferimento del potere e di declino dei governi democratici, che come abbiamo visto in Italia e in Grecia, non rappresentano più i cittadini ma gli interessi della classe dirigente e dei poteri locali e internazionali;

2) il processo di accentramento del potere continuerà fino all'estremo, o finché il sistema non potrà più reggere il costi (ambientali, sociali, umani, ecc) e sarà costretto a cercare equilibri diversi.

Per quanto riguarda il primo punto, non posso fare a meno di chiedermi se questi banchieri/finanzieri saranno capaci di governare il mondo? Sono preparati a farlo? Sono consapevoli che la società umana non è un'azienda? Il mio timore è che continueranno a dedicarsi all'attività che finora dimostrano di saper fare meglio: saccheggiare.

Per quanto riguarda il secondo punto, mi chiedo quali saranno i costi e chi li pagherà?

Tu cosa ne pensi?

Per stasera è tutto. Grazie dell'attenzione e a presto ;D

Qui trovi lo studio in questione, qui l'articolo di NewScientist sullo studio.

Penso sia utile e interessante sapere quali sono le società più importanti che controllano il potere economico mondiale:

1. Barclays plc

2. Capital Group Companies Inc

3. FMR Corporation

4. AXA

5. State Street Corporation

6. JP Morgan Chase & Co

7. Legal & General Group plc

8. Vanguard Group Inc

9. UBS AG

10. Merrill Lynch & Co Inc

11. Wellington Management Co LLP

12. Deutsche Bank AG

13. Franklin Resources Inc

14. Credit Suisse Group

15. Walton Enterprises LLC

16. Bank of New York Mellon Corp

17. Natixis

18. Goldman Sachs Group Inc

19. T Rowe Price Group Inc

20. Legg Mason Inc

21. Morgan Stanley

22. Mitsubishi UFJ Financial Group Inc

23. Northern Trust Corporation

24. Société Générale

25. Bank of America Corporation

26. Lloyds TSB Group plc

27. Invesco plc

28. Allianz SE 29. TIAA

30. Old Mutual Public Limited Company

31. Aviva plc

32. Schroders plc

33. Dodge & Cox

34. Lehman Brothers Holdings Inc*

35. Sun Life Financial Inc

36. Standard Life plc

37. CNCE

38. Nomura Holdings Inc

39. The Depository Trust Company

40. Massachusetts Mutual Life Insurance

41. ING Groep NV

42. Brandes Investment Partners LP

43. Unicredito Italiano SPA

44. Deposit Insurance Corporation of Japan

45. Vereniging Aegon

46. BNP Paribas

47. Affiliated Managers Group Inc

48. Resona Holdings Inc

49. Capital Group International Inc

50. China Petrochemical Group Company

CULTURA
8 novembre 2011
LIBRI DA LEGGERE - Il ritorno del principe

Questa sera ti propongo un saggio, un grande libro sul potere in Italia:

  

IL RITORNO DEL PRINCIPE

di Saverio Lodato e Roberto Scarpinato

Questo libro parla del potere in Italia, racconta come in Italia, la corruzione e la mafia sembrano essere costitutivi del potere, racconta quello che non si vede del potere e non è mai stato raccontato ma che decide, fa politica e piega le leggi ai propri interessi. E' una lucida analisi politica e storica della criminalità al potere, ovvero del potere criminale in Italia. Strutturato come un'intervista del giornalista al procuratore, è un lettura che lascia sgomenti e indignati, ma che offre una visione chiara di come il potere vive e prospera, di come agisce e viene gestito. Lo consiglio a tutti coloro che vogliono risposte sul nostro bel paese, che vogliono capire meglio cosa spinge il teatro della politica e cosa muove la mafia. Una lettura illuminante.

Roberto Scarpinato è Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Caltanissetta, dal 1988 si occupa di mafia, ha collaborato con Falcone e Borsellino, si è occupato di alcuni dei più noti processi di mafia degli ultimi diciotto anni, dal 2005 al 2010 ha diretto il dipartimento mafia-economia a Palermo. Saverio Lodato è giornalista dal '79, dal 1980 lavora all'Unità, dal 1990 scrive e pubblica molti saggi sulla mafia e la politica.

Qui e qui trovate cosa riporta wikipedia. Il libro lo trovate su Chiarelettere qui, su Amazon.it qui e su IBS qui. Qui trovate una più ampia recensione del libro.

Il video qui sotto è un'ottima presentazione del libro. Molto stimolante e ricca di spunti. Ne consiglio la visione.

 

 

 

 

Buona lettura e a presto ;D

Qui trovate le altre recensioni.

sfoglia
   gennaio        marzo

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Scegliere

Ogni scelta che facciamo modella la nostra vita. Ogni singola scelta. E' fondamentale per ognuno di noi diventare consapevoli delle nostre decisioniQuesto blog vuole fornire spunti, informazioni, risposte, domande e risorse sul "prendere decisioni".

Gli argomenti trattati sono: l'informazione, la psicologia, il coaching, i bisogni umani, le emozioni, la consapevolezza.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono concessi in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

 

Liquida

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Directory

Aggregatore

Informazione

GiornaleBlog Notizie dai Blog Italiani

modificare foto

WebShake – intrattenimento

Directory Yoweb.it

hostgator coupon

Miglior Blog




IL CANNOCCHIALE