IL BLOG SI E' TRASFERITO QUI

scegliere | SCEGLIERE | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Diventa consapevole delle tue decisioni
POLITICA
7 agosto 2012
MES : il furto della sovranità dei popoli europei – 3

 

Nel post precedente,MES: il furto della sovranità dei popoli europei2abbiamo ripetuto la verità dietro al MES: lo scopo del Meccanismo Europeo di Stabilità è sostenere il mondo finanziario, salvaguardare i profitti del capitale e degli speculatori, scaricando il costo sui cittadini. E allo stesso tempo appropriarsi della sovranità degli stati.

In cambio dell'aiuto economico il MES potrà imporre agli stati debitori condizioni sui salari, sulle pensioni, privatizzazioni, nuove tasse, taglio dei servizi pubblici, eccetera. Il MES prenderà soldi dai paesi membri, cioè noi, e dal mercato, cioè da banche e altri enti finanziari. il MES avrà il potere di svuotare le casse degli Stati, con un minimo preavviso, senza che nessuno possa opporvisi. Il MES non pagherà tasse sui suoi profitti, non ci sarà alcuna trasparenza e tutti i suoi documenti saranno riservati, i suoi funzionari saranno immuni da qualunque provvedimento giudiziario. Uno stato membro non potrà uscire dal MES e uno stato in difficoltà non potrà rifiutare l'aiuto del MES. Il MES costringerà gli stati a pagare i loro debiti verso gli altri stati e soprattutto verso le banche e non permetterà loro di fallire come non lo permetterà alle banche.

Ebbene alcune settimane fa il parlamento italiano ha ratificato la modifica all'art. 136 del Trattato sul Funzionamento dell'UE che istituisce il meccanismo di stabilità finanziaria per la zona euro.

La modifica prevede linserimento allart. 136 del seguente paragrafo: Gli Stati membri la cui moneta è leuro possono istituire un meccanismo di stabilità da attivare ove indispensabile per salvaguardare la stabilità della zona euro nel suo insieme. La concessione di qualsiasi assistenza finanziaria necessaria nellambito del meccanismo sarà soggetta a una rigorosa condizionalità.

Con questo l'Italia si unisce a Cipro, Danimarca, Grecia, Francia, Ungheria, Lituania, Lussemburgo, Lettonia, Portogallo, Romania, Slovenia e Svezia, mentre in altri 9 Paesi (Austria, Repubblica ceca, Germania, Spagna, Finlandia, Irlanda, Paesi Bassi, Polonia e Slovacchia) c'è stata lapprovazione parlamentare, ma la legge relativa non è entrata in vigore.

Una volta che la modifica sarà ratificata dagli stati membri che rappresentano il 90% degli impegni di capitale (i 700 miliardi), entrerà in vigore il trattato istitutivo del MES, siglato dagli stati europei più di un anno fa e modificato nel febbraio di questanno.

E non ne usciremo più.

Come già detto, il capitale su cui poggia il MES sarà di 700 miliardi di euro, fornito e garantito dagli stati membri europei e la quota complessiva dell'Italia sarà di circa 125 miliardi di euro. Dovremo versarne meno di 3 miliardi subito, circa 15 in 5 anni e gli altri 110 quando farà più comodo ai “governatori” del MES.

Eppure c'è una cosa peggiore: è stato approvato il “fiscal compact”.

Cos'è il fiscal compact?

E' un trattato cheintroduce i meccanismi di stabilità, coordinamento e governance nellunione economica e monetaria, e che mira a salvaguardare la stabilità di tutta la zona Euro.”

In parole povere, è un impegno da parte dei paesi europei che hanno un debito pubblico superiore al 60% del PIL di rientrare entro tale soglia nell'arco di vent'anni. Contemporaneamente i paesi europei si impegnano a mantenere il deficit pubblico sempre sotto al 3% del PIL.

Cosa significa questo?

In pratica l’Italia si è impegnata a imporre nuove tasse, a tagliare servizi pubblici e a vendere beni pubblici per incassare 50 miliardi di euro in più, ogni anno per 20 anni, e come se non bastasse abbiamo definitivamente rinunciato alla sovranità fiscale e con essa a qualunque possibilità di applicare politiche fiscali di sviluppo.

Secondo te tutto questo che impatto avrà sull'Italia?

Le conseguenze di tutto ciò saranno: la svendita dei beni pubblici, una pressione fiscale molto maggiore (e stiamo parlando del paese europeo con la maggiore imposizione fiscale), la riduzione di salari e pensioni e il taglio dei servizi pubblici. Questo provocherà il collasso economico del paese, un ventennio di austerità come mai si è vista prima, un aumento considerevole dei poveri, il declino della classe operaia e della borghesia.

Tutto questo senza che i cittadini italiano siano consultati e neppure informati.

Un governo che non è stato eletto legifera e il parlamento ratifica in silenzio quello che gli viene chiesto, nel silenzio dei media allineati.  

Stiamo assistendo al trasferimento della sovranità dai cittadini italiani a organismi europei non eletti nelle mani di burocrati che curano interessi privati. Siamo di fronte al declino della democrazia in Italia e in Europa.

Tu come vedi il nostro futuro?

Sei ottimista.

Se non sei d'accordo o hai opinioni diverse, non esitare a lasciare un commento.

Grazie dell'attenzione e a presto ;D

ECONOMIA
22 luglio 2012
PAROLE PER PENSARE – Sovranità popolare in svendita

  

Questa sera ti propongo un altro video interessante, una vera e propria lezione sulla crisi tenuto da Giuliano Zezza nel corso del workshop per la democrazia diretta organizzato dal partito umanista.

Ripercorrendo in fretta gli ultimi quarantanni di storia economica, il professor Zezza spiega in modo piuttosto chiaro le cause della situazione attuale in Europa, parla del neoliberismo, del sistema monetario attuale basato sull'euro, degli effetti dell'integrazione europea e degli effetti reali dell'austerità. Inoltre accenna ai pro e contro della Modern Money Theory, alla natura politica della crisi e conclude parlando delle soluzioni possibili, dalla criticità del meccanismo di redistribuzione della ricchezza alla soluzione della sistema della corruzione in Italia.

Colpisce l'ammissione che la crisi economica era prevedibile, anzi era prevista tanto che era insegnata all'università decenni fa. Infine colpisce anche la dichiarazione che la crisi in atto non è un problema economico, ma piuttosto un problema politico. Assistiamo al trasferimento del potere dagli stati democratici all'Europa senza alcun coinvolgimento dei cittadini, e a uno scontro feroce per il possesso del potere politico.

Come al solito ti invito ad ascoltare con attenzione e senso critico quello che viene detto. Non regalare la tua fiducia e controlla le informazioni presso altre fonti.

Il relatore è Giuliano Zezza, economista e professore associato dell'università di Cassino e ricercatore presso il Levy Economics Institute. Non sono riuscito a trovare informazioni affidabili sul curriculum di Zezza, quindi ti invito a cercare tu stesso. Qui puoi trovare il sito del partito Umanista, qui puoi trovare la pagina del workshop del giugno scorso. Qui puoi trovare i video degli interventi, qui documenti e trascrizioni. Qui trovi il video ufficiale dell'intervento di Giuliano Zezza e qui la trascrizione curata da Claudio Messora.

Un ringraziamento a Claudio Messora di Byoblu per il video. Qui puoi trovare il post originale della pubblicazione del video.

Buona visione e a presto ;D

Qui trovi gli altri video della rubrica

POLITICA
30 giugno 2012
MES : il furto della sovranità dei popoli europei - 2

 

Stasera torniamo a parlare del MES, il meccanismo europeo di stabilità. Nel post “MES: il furto della sovranità dei popoli europei” abbiamo visto cos'è il MES, come funzionerà, come si finanzierà e soprattutto quale sia il suo vero scopo.

Ricordi?

Il Meccanismo di Stabilità Europeo, detto anche “Fondo salva-stati”, è ufficialmente uno strumento finanziario che presterà denaro ai paesi su cui si è abbattuta la speculazione finanziaria, ma è anche un organismo finanziario internazionale con cui i paesi aderenti, compresa l’Italia, dovranno negoziare scelte di politica nazionale, al fine di ottenere la liquidità necessaria per evitare il fallimento dello stato o delle sue banche. In parole semplici, in cambio dell'aiuto il MES potrà imporre agli stati debitori condizioni sui salari, sulle pensioni, privatizzazioni, nuove tasse, taglio dei servizi pubblici, eccetera.

Il MES prenderà soldi dai paesi membri, cioè noi, e dal mercato, cioè da banche e altri enti finanziari. La prima cosa che farà sarà istituire un fondo di 700 miliardi di euro in cui ogni stato dovrà mettere la sua quota (per l’Italia circa 125 miliardi di euro). Questa quota potrà essere aumentata quando verrà ritenuto necessario di quanto verrà ritenuto necessario, senza limite alcuno, e dovrà essere pagata entro sette giorni dalla richiesta. In sintesi il MES avrà il potere di svuotare le casse degli Stati, con un minimo preavviso, senza che nessuno possa opporvisi.

Il MES sarà amministrato dai ministri delle finanze degli stati membri, chiamati governatori e le loro riunioni saranno presenziate da osservatori. Il MES non pagherà tasse sui suoi profitti, non ci sarà alcuna trasparenza e tutti i suoi documenti saranno riservati, i suoi funzionari saranno immuni da qualunque provvedimento giudiziario in relazione agli atti da essi compiuti nell'esercizio delle proprie funzioni, tutti i beni e le proprietà saranno immuni da ogni forma di giurisdizione, da pignoramento derivanti da azioni esecutive, giudiziarie, amministrative o normative. Inoltre uno stato membro non potrà uscire dal MES e uno stato stato in difficoltà non potrà rifiutare l'aiuto del MES.

Il MES costringerà gli stati a pagare i loro debiti verso gli altri stati e le banche e non permetterà loro di fallire, ne permetterà alle banche di fallire. Per fare questo costringerà gli stati a tagli e prelievi pesanti dalle tasche dei cittadini, a partire dai 125 miliardi che l'Italia dovrà versare nel fondo (4 manovre finanziarie), provocando la contrazione e il collasso dell'economia di questi stati e l'avvio di un circolo vizioso che porterà a un massiccio trasferimento di ricchezza (saccheggio) e di sovranità al MES e agli organismi europei. Così come è concepito, sembra che lo scopo del Meccanismo Europeo di Stabilità sia sostenere il mondo finanziario, salvaguardare i profitti del capitale e degli speculatori, scaricando il costo sui cittadini, e allo stesso tempo appropriarsi della sovranità degli stati.

La buona notizia è che il MES non è ancora entrato in vigore. Attende la ratifica da parte degli stati aderenti della modifica dell'art. 136 del Trattato sul Funzionamento dell'UE che istituisce il meccanismo di stabilità finanziaria per la zona euro. Quindi noi cittadini possiamo ancora intervenire sulla creazione del MES.

Certo che possiamo, dipende da noi.

Lidia Undiemi ha lanciato un'iniziativa che mira a informare i cittadini ed elettori e a generare pressione sulla classe politica per aprire un dibattito pubblico. Prima di qualunque ratifica, i politici devono rispondere alle molte domande senza risposta del MES e in primo luogo: quale effetto avrà questo trattato sulla vita dei cittadini?

Hai ragione, questa è forse la classe politica più corrotta e collusa che l'Italia abbia mai visto, ma se questi politici vogliono essere rieletti, se vogliono continuare a sedere sulle loro poltrone e prendere lo stipendio che noi gli diamo, devono pensarci bene prima di ratificare il MES.

Quindi ora che sai, decidi se vuoi rimanere a guardare passivamente, o se puoi dedicare un poco del tuo tempo per cambiare il tuo futuro e quello dei tuoi figli. Informa amici e parenti, diffondi il volantino, scrivi ai politici locali e nazionali.

Qui puoi trovare il sito dell'iniziativa di Lidia Undiemi, qui puoi trovare tutta la documentazione relativa al MES che ti invito a leggere. Qui trovi la pagina per aderire all'iniziativa, qui puoi trovare il volantino da distribuire.

A presto ;D

POLITICA
1 marzo 2012
MES : il furto della sovranità dei popoli europei

 

Cos'è il MES?

Il MES (o ESM in inglese) è il Meccanismo di Stabilità Europeo (European Stability Mechanism), da non confondere con il Meccanismo europeo di Stabilità finanziaria (MESF) o il Fondo europeo di Stabilità finanziaria (FESF), e stasera ne parliamo perché è una tappa fondamentale del processo di demolizione delle democrazie europee, uno degli strumenti con cui verrà tolta la sovranità ai popoli dei singoli stati della comunità europea.

Il Meccanismo di Stabilità Europeo, detto ancheFondo salva-stati è uno strumento finanziario che presterà denaro ai paesi su cui si è abbattuta la speculazione finanziaria, è questo il poco che i media ufficiali allineati dicono sul MES. Trascurano di dire che non è solo uno strumento pensato per garantire la stabilità finanziaria della zona euro ma è un organismo finanziario internazionale con cui i paesi aderenti, compresa lItalia, dovranno negoziare scelte di politica nazionale, al fine di ottenere la liquidità necessaria per evitare il default, il fallimento.

Cioè in cambio dell'aiuto verrà chiesto “il rispetto da parte dello Stato debitore di 'rigorose condizionalità' negoziate con lESM nellambito di un programma economico di aggiustamento e di una rigorosa analisi di sostenibilità del debito pubblico. Traducendo in parole semplici, il MES potrà imporre agli stati debitori condizioni sui salari, sulle pensioni, privatizzazioni, nuove tasse, taglio dei servizi pubblici, eccetera.

Il fondo salva-stati dove prenderà i soldi per salvare i paesi?

Il MES raccoglierà fondi mediante emissione di strumenti finanziari, o accordi finanziari o di altro genere, o accomodamenti con i membri del MES, istituti finanziari o altri soggetti terzi. Tradotto in parole povere i soldi li prenderà dai paesi membri, cioè noi, e dal mercato, cioè da banche e altri enti finanziari. La prima cosa che il MES farà sarà di istituire un fondo di 700 miliardi di euro in cui ogni stato dovrà mettere la sua quota (per l’Italia circa 125 miliardi di euro). Inoltre questa quota potrà essere aumentata quando verrà ritenuto necessario di quanto verrà ritenuto necessario, senza limite alcuno, e dovrà essere pagata entro sette giorni dalla richiesta. In sintesi il MES avrà il potere di svuotare le casse degli Stati, con un minimo preavviso, senza che nessuno possa opporvisi.

Chi guiderà il Fondo salva-stati?

Il MES sarà amministrato dai ministri delle finanze degli stati membri, chiamati governatori e le loro riunioni saranno presenziate da tre osservatori: il membro della Commissione Europea responsabile per gli Affari economici e monetari, il presidente dellEurogruppo e il Presidente della BCE. A prima vista non ci sarebbe da eccepire su questo, ma se osserviamo la facilità con cui la Grecia e la nostra Italia sono state date in mano a personaggi discutibili del mondo finanziario, facenti parte o provenienti da organizzazioni private come la Trilaterale o Goldman Sachs, qualche dubbio sorge spontaneo. E si aggrava se pensiamo con attenzione alla struttura di governo e di potere in Europa.

Il trattato di Lisbona è stato approvato dai popoli europei? No. Il parlamento europeo viene eletto? Sì, peccato che non sia lui a legiferare, ma la Commissione europea. Questa viene eletta? No. Chi ne decide i componenti e con quale logica? E' un domanda interessante non credi? Approfondiremo tutto questo in post futuri.

Infine ritengo sia importante sottolineare anche che il trattato relativo al Meccanismo di Stabilità Europeo sancisce che:

1) il MES non pagherà tasse sui suoi profitti;

2) non ci sarà alcuna trasparenza e tutti i suoi documenti saranno riservati;

3) i suoi funzionari saranno immuni da qualunque provvedimento giudiziario in relazione agli atti da essi compiuti nell'esercizio delle proprie funzioni;

4) tutti i beni e le proprietà saranno immuni da ogni forma di giurisdizione, da pignoramento derivanti da azioni esecutive, giudiziarie, amministrative o normative;

5) uno stato membro non potrà uscire dal MES;

6) uno stato stato in difficoltà non potrà rifiutare l'aiuto del MES.

Tu cosa ne pensi? Non c'è qualcosa di stonato in tutto questo?

Qual è il vero scopo del MES?

Oltre a quanto visto finora, considera le cause reali della crisi e i suoi responsabili. Non ti sorge il sospetto che questofondo salva-statiserva ad altro piuttosto che a salvare gli stati? E poi da chi devono essere salvati gli stati? E soprattutto perché?

Il fondo costringerà gli stati a pagare i loro debiti verso gli altri stati e le banche e non permetterà loro di fallire. Per fare questo costringerà gli stati a tagli e prelievi pesanti dalle tasche dei cittadini, naturalmente quelli più esposti, provocando la conseguente contrazione dell'economia di questi stati e l'avvio di un circolo vizioso che porterà a un massiccio trasferimento di ricchezza (saccheggio) e di sovranità al MES e agli organismi europei. Un esempio sotto gli occhi di tutti è la Grecia.

Così come è concepito, a me sembra che lo scopo del Meccanismo Europeo di Stabilità sia sostenere il mondo finanziario e salvaguardare i profitti del capitale e degli speculatori scaricando il costo sui cittadini, e allo stesso tempo appropriarsi della sovranità degli stati.

Come abbiamo accennato nel postLe aziende che controllano il mondo, stiamo assistendo a un trasferimento di potere e sovranità dalle democrazie a enti sotto controllo privato attraverso strumenti economici-finanziari e la manipolazione delle popolazioni. Questi enti, dietro una falsa immagine pubblica, gestiranno la sovranità rubata a vantaggio dei pochi che li controlleranno.

Nellistituzione del MES i cittadini non hanno alcun titolo e a me pare ben pochi vantaggi. Tra l'altro è evidente l'intenzione della politica a non coinvolgere affatto la cittadinanza, a partire dal silenzio assordante da parte dei media sugli argomenti trattati finora. D'altra parte i cittadini, cioè noi tutti, possiamo ancora intervenire sulla creazione del MES. Il trattato ESM non è ancora entrato in vigore in quanto attende la ratifica da parte degli stati aderenti della modifica dell'art. 136 del Trattato sul Funzionamento dell'UE che istituisce il meccanismo di stabilità finanziaria per la zona euro.

A questo proposito ti invito ad ascoltare Lidia Undiemi nei due video e a decidere se agire per dare una forma diversa al nostro futuro.

Qui puoi trovare il post della Undiemi, qui puoi trovare la mozione in formato pdf, qui il dossier sul MES. Qui puoi trovare il trattato relativo al MES in inglese e qui in italiano (ringraziamo Luciano Giannazza di Medicinenon per la traduzione). Qui, qui e qui trovi post diversi sullo stesso argomento. Qui trovi cosa riporta wikipedia sul MES, qui e qui altri interventi interessanti sulla questione. Qui puoi trovare un post di Byoblu e qui un video.

Stasera ho ecceduto. Se mi hai seguito fin qui, mi complimento per la pazienza e ti ringrazio. Se la pensi diversamente sul MES o hai dubbi, non esitare a lasciare un commento.

Prima di lasciarti vorrei riproporti una domanda fondamentale, anzi due: da chi devono essere salvati gli stati? E soprattutto, perché?

Buona lettura e buona visione. A presto ;D

 

sfoglia
   luglio        settembre

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Scegliere

Ogni scelta che facciamo modella la nostra vita. Ogni singola scelta. E' fondamentale per ognuno di noi diventare consapevoli delle nostre decisioniQuesto blog vuole fornire spunti, informazioni, risposte, domande e risorse sul "prendere decisioni".

Gli argomenti trattati sono: l'informazione, la psicologia, il coaching, i bisogni umani, le emozioni, la consapevolezza.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono concessi in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

 

Liquida

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Directory

Aggregatore

Informazione

GiornaleBlog Notizie dai Blog Italiani

modificare foto

WebShake – intrattenimento

Directory Yoweb.it

hostgator coupon

Miglior Blog




IL CANNOCCHIALE