IL BLOG SI E' TRASFERITO QUI

scegliere | SCEGLIERE | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Diventa consapevole delle tue decisioni
POLITICA
14 febbraio 2013
PAROLE PER PENSARE – Storia del potere

Stasera ti propongo un video interessante, ma impegnativo, una sfida per il tuo senso critico.

E' il tentativo di Paolo Barnard di dare volto e nomi al vero potere, promotore di molti dei grandi cambiamenti economici e sociali degli ultimi 50 anni. In circa 40 minuti, il giornalista offre una visione diversa della storia moderna e, attraverso indagini e documenti, una ricostruzione sintetica della storia del vero potere.

Paolo Barnard è un giornalista di notevole esperienza, ha lavorato per numerosi quotidiani, periodici e riviste, per agenzie di stampa e testate online. Ha lavorato per la RAI con Samarcanda durante la Guerra del Golfo nel 1991 ed è cofondatore della famosa trasmissione Report per cui ha lavorato dieci anni, dal 1994 al 2004. Paolo Barnard è anche scrittore e ha scritto libri su terrorismo internazionale, la Palestina e lumanizzazione della Medicina. Qui puoi trovare la pagina relativa su wikipedia, qui il suo sito.

Una volta ancora ti invito ad ascoltare con senso critico quanto espone e narra, a prendere appunti e a verificare le molte informazioni presso altre fonti. Io l'ho fatto e con molte sorprese. Come sempre ti invito a usare la tua testa.

Buon visione a presto ;D

CULTURA
5 gennaio 2013
PAROLE PER PENSARE – Gli zingari e la storia

Bentrovato. Stasera ti propongo un altro video stimolante e ricco di spunti di riflessione.

Eun'altra delle conferenze realizzate allinterno di TEDxReggioEmilia 2011, evento tutto italiano, auto organizzato da WWLab, che prende ispirazione dal modello di diffusione delle idee di TED. L'intervento è tenuto da Pino Petruzzelli ed è incentrato sugli zingari e la loro storia.

La nostra cultura è intrisa di pregiudizi verso gli zingari, li consideriamo ladri, nomadi, pigri, ladri di bambini e molto altro. Eppure se ripercorriamo la loro storia, scopriamo le persecuzioni e le discriminazioni e quando ha avuto origine il razzismo, secoli or sono, come conseguenza del loro desiderio di libertà, della scelta di non volersi integrare nelle società europee.

Pino Petrizzelli è regista, autore e attore, nel 1988 crea con Paola Piacentini il Centro Teatro Ipotesi, che si occupa di temi legati al rispetto e alla conoscenza delle culture. Per anni attraversa le nazioni dellarea mediterranea vivendo come e con le persone che incontra. Da questi viaggi nascono spettacoli in cui racconta la profonda umanità di chi è costretto a vivere situazioni difficili.

Qui puoi trovare la pagina di Liquida che lo riguarda, qui il suo blog su il Fatto Quotidiano qui la sua pagina facebook. Qui puoi trovare una sua biografia e qui i suoi articoli su Chiarelettere.

Come al solito ti invito ad ascoltare con attenzione e senso critico quanto viene detto. Non regalare la tua fiducia, e approfondisci sempre gli argomenti che ti interessano e le informazioni che ti paiono sospette, imprecise e manipolate.

Buona visione e a presto ;D

Qui puoi trovare gli altri video della rubrica

CULTURA
19 agosto 2012
PAROLE PER PENSARE – Lezione di economia sull'Italia degli ultimi 50 anni

 

Stasera ti propongo un altro video interessante, una vera e propria lezione di economia e degli ultimi cinquantanni di storia d'Italia, tenuta nel corso del workshop per la democrazia diretta organizzato dal partito umanista.

Il relatore ricostruisce la storia dell'economia italiana, dalla prima guerra mondiale a oggi, soffermandosi su quegli eventi di cui è stato testimone grazie alla sua carriera nelle istituzioni. Molto interessante è, per esempio, il racconto su come e perché l'Italia fu svenduta sul finire degli anni '80. Altrettanto stimolante è la sua analisi della crisi attuale.

Come al solito ti invito ad ascoltare con attenzione e senso critico quello che viene detto. Ti invito anche a controllare le informazioni esposte presso altre fonti. Non regalare la tua fiducia.

Il relatore è Nino Galloni, economista, scrittore e direttore generale del Ministero del Lavoro, presidente del Centro studi monetari. Qui puoi trovare la sua pagina facebook, qui il sito del Centro studi monetari di cui è il presidente. Qui puoi trovare il sito del partito Umanista, qui puoi trovare la pagina del workshop del giugno scorso. Qui puoi trovare i video degli interventi, qui documenti e trascrizioni. Qui trovi il video ufficiale dell'intervento di Nino Galloni.

Un ringraziamento a Claudio Messora di Byoblu per il video. Qui puoi trovare il post originale della pubblicazione del video.

Buona visione e a presto ;D

Qui trovi gli altri video della rubrica

CULTURA
9 maggio 2012
PAROLE PER PENSARE – La storia dell'elettronica

 

Stasera ti propongo un altro video interessante di Annie Leonard, autrice del video “La storia delle cose”.

Il video parla dei prodotti elettronici e spiega come possono essere dannosi per l'uomo e per l'ambiente. Sì, è così. Pensi veramente che il tuo cellulare sia un prodotto pulito?

I prodotti elettronici sono dannosi e molto inquinanti, dalle lavorazioni per estrarre le materie prime con cui vengono prodotti fino allo smaltimento. Il video rivela inoltre come questi prodotti onnipresenti nella vita delle persone dei paesi occidentali sono pensati e progettati per durare un tempo limitato per poi finire in discarica e per non essere riparati e riutilizzati.
L'autrice
del documentario è Annie Leonard, attivista statunitense. Qui trovi il post con il suo documentario più famoso,La storia delle cose, qui trovi quello che riporta wikipedia su di lei, qui trovi il sito ufficiale del progetto da cui è nato il film, qui trovi la pagina di Liquida che raccoglie i post su Annie e sui documentari prodotti.

Come sempre ti invito ad ascoltare con senso critico quanto viene esposto e a verificare le informazioni presso altre fonti affidabili.

Buona visione e a presto ;D

Qui trovi gli altri video della rubrica

CULTURA
23 marzo 2012
PAROLE PER PENSARE – La storia dell'acqua in bottiglia

 

Il mondo occidentale beve acqua in bottiglia. Perché?

Tu cosa ne pensi? Ti sei mai chiesto perché si vende e si compra acqua in bottiglia?

Ebbene è un inganno, un mercato costruito sulle paure indotte, sulla pubblicità e la manipolazione delle persone. La realtà è diversa: l'acqua in bottiglia è spesso meno controllata di quella del rubinetto, meno buona, meno pulita e sana, più costosa e terribilmente inquinante. I contenitori di plastica hanno un vita brevissima e sono un rifiuto con un grande impatto ambientale.

Allora perché beviamo acqua in bottiglia?

Perché non siamo consapevoli di quello che il video spiega in modo semplice ed efficace.

L'autrice del documentario è Annie Leonard, attivista statunitense. Qui trovi il post con il suo documentario più famoso, “La storia delle cose”, qui trovi quello che riporta wikipedia su di lei, qui trovi il sito ufficiale del progetto da cui è nato il film, qui trovi la pagina di Liquida che raccoglie i post su Annie e sui documentari prodotti.

Come sempre ti invito ad ascoltare con attenzione e a verificare le informazioni esposte. Non fidarti delle fonti non verificate e approfondisci sempre le informazioni importanti. Esercita il tuo senso critico e usa la tua testa.

Buona visione e a presto ;D

Qui trovi gli altri video della rubrica

CULTURA
9 ottobre 2011
PAROLE PER PENSARE – La FIAT in 6 minuti

BeautifulLab è un'iniziativa di Sky.it che cerca di spiegare storie lunghe e complesse in video di pochi minuti. Il primo di questi spiegava la trama della telenovela Beautiful e ha riscosso un notevole successo, ma stasera vi propongo l'ultimo pubblicato. In sei minuti il video racconta cento anni di storia della FIAT, la maggiore azienda automobilistica italiana, e come si evoluti i suoi rapporti con il sindacato.

La storia che il video racconta è inevitabilmente sintetica e moltissimo è stato omesso. Il risultato è un punto di vista sulla storia della Fiat focalizzato sui personaggi, le auto e i rapporti con il sindacato. Si parla poco dei rapporti con la politica e dei finanziamenti ricevuti, ma tutto sommato penso sia un video molto interessante.

Come al solito ti invito a seguirlo con attenzione, lucidità e senso critico. Dopotutto non è un film, ma un bel pezzo di storia italiana.

Dov'è il video? Nonostante abbia reimpostato il codice per eliminare l'avvio automatico, il player continua ad avviarsi da solo (e non penso sia un caso). Quindi, qui trovi il video. Buona visione.

Qui trovi altri video interessanti.

A presto ;D


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. video pensare storia parole fiat beautiful lab

permalink | inviato da Elnor il 9/10/2011 alle 16:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
7 ottobre 2011
LA STORIA DEGLI ASINI

 

Ho ricevuto una mail da un amico con questa storia, che sembra che da tempo circoli in rete e sia senza paternità. Non è la prima del suo genere, ma questa la trovo chiara ed efficace e penso possa aiutare tutti noi a comprendere meglio quello che sta succedendo oggi a livello economico.

Buona lettura ;D

Un uomo in giacca e cravatta è apparso un giorno in un villaggio. In piedi su una cassetta della frutta, gridò a chi passava che avrebbe comprato a € 100 in contanti ogni asino che gli sarebbe stato offerto. I contadini erano effettivamente un po' sorpresi, ma il prezzo era alto e quelli che accettarono tornarono a casa con il portafoglio gonfio, felici come una pasqua.

L'uomo venne anche il giorno dopo e questa volta offrì 150 € per asino, e di nuovo tante persone gli vendettero i propri animali. Il giorno seguente, offrì 300 € a quelli che non avevano ancora venduto gli ultimi asini del villaggio.

Vedendo che non ne rimaneva nessuno, annunciò che avrebbe comprato asini a 500 € la settimana successiva e se ne andò dal villaggio.

Il giorno dopo affidò al suo socio la mandria che aveva appena acquistato e lo inviò nello stesso villaggio con l'ordine di vendere le bestie a 400 € l'una. Vedendo la possibilità di realizzare un utile di 100 € la settimana successiva tutti gli abitanti del villaggio acquistarono asini a quattro volte il prezzo al quale li avevano venduti e, per far ciò, si indebitarono con la banca.

Come era prevedibile, i due uomini d'affari andarono in vacanza in un paradiso fiscale con i soldi guadagnati e tutti gli abitanti del villaggio rimasero con asini senza valore e debiti fino a sopra i capelli. Gli sfortunati provarono invano a vendere gli asini per rimborsare i prestiti. Il corso dell'asino era crollato. Gli animali furono sequestrati ed affittati ai loro precedenti proprietari dal banchiere.

Nonostante ciò il banchiere andò a piangere dal sindaco, spiegando che se non recuperava i propri fondi, sarebbe stato rovinato e avrebbe dovuto esigere il rimborso immediato di tutti i prestiti fatti al Comune. Per evitare questo disastro, il sindaco, invece di dare i soldi agli abitanti del villaggio perché pagassero i propri debiti, diede i soldi al banchiere (che era, guarda caso, suo caro amico e primo assessore).

Eppure quest'ultimo, dopo aver rimpinguato la tesoreria, non cancellò i debiti degli abitanti del villaggio ne quelli del Comune e così tutti continuarono a rimanere immersi nei debiti.

Vedendo il proprio disavanzo sul punto di essere declassato e preso alla gola dai tassi di interesse, il Comune chiese l'aiuto dei villaggi vicini, ma questi risposero che non avrebbero potuto aiutarlo in nessun modo poiché avevano vissuto la medesima disgrazia.

Su consiglio disinteressato del banchiere, tutti decisero di tagliare le spese: meno soldi per le scuole, per i servizi sociali, per le strade, per la sanità … Venne innalzata l'età di pensionamento e licenziati tanti dipendenti pubblici, abbassarono i salari e al contempo le tasse furono aumentate. Dicevano che era inevitabile e promisero di moralizzare questo scandaloso commercio di asini.

Questa triste storia diventa più gustosa quando si scopre che il banchiere e i due truffatori sono fratelli e vivono insieme su un isola delle Bermuda, acquistata con il sudore della fronte. Noi li chiamiamo fratelli Mercato. Molto generosamente, hanno promesso di finanziare la campagna elettorale del sindaco uscente.

Questa storia non è finita perché non sappiamo cosa fecero gli abitanti del villaggio.

E voi, cosa fareste al posto loro?

Che cosa farete?

Se questa storia vi ricorda qualcosa, ritroviamoci tutti nelle strade delle nostre città e dei nostri villaggi Sabato 15 ottobre 2011 (Giornata internazionale degli indignati) ... e fate circolare questa storiella.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. storia asini economia indignati cosa fare

permalink | inviato da Elnor il 7/10/2011 alle 18:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa
sfoglia
   gennaio        marzo

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Scegliere

Ogni scelta che facciamo modella la nostra vita. Ogni singola scelta. E' fondamentale per ognuno di noi diventare consapevoli delle nostre decisioniQuesto blog vuole fornire spunti, informazioni, risposte, domande e risorse sul "prendere decisioni".

Gli argomenti trattati sono: l'informazione, la psicologia, il coaching, i bisogni umani, le emozioni, la consapevolezza.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono concessi in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

 

Liquida

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Directory

Aggregatore

Informazione

GiornaleBlog Notizie dai Blog Italiani

modificare foto

WebShake – intrattenimento

Directory Yoweb.it

hostgator coupon

Miglior Blog




IL CANNOCCHIALE