IL BLOG SI E' TRASFERITO QUI

scegliere | SCEGLIERE | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Diventa consapevole delle tue decisioni
CULTURA
16 giugno 2012
LA MENTE UMANA – Il cervello e il linguaggio

 

Stasera, per la rubrica “La mente umana”, torniamo a parlare del senso dell'udito.

Nei postI sette sensi1e2abbiamo definito l'udito come il senso che ci permette di percepire i suoni, cioè onde di energia generate dalla vibrazione di un corpo che si propagano attraverso l'aria. Nel postIl senso dell'udito e il senso del tempoabbiamo scoperto che se con la vista percepiamo dove sono le cose, con l'udito capiamo quando si verifica un evento. Molto interessante, non credi? Nel post “L'udito alla nascitaabbiamo visto come l'udito è il primo dei sensi che sviluppiamo nel ventre materno e le relative regioni cerebrali sono le prime a svilupparsi. Infine nel post “L'udito e lo spazio” ne abbiamo studiato i limiti spaziali: l'udito ci permette di controllare costantemente l'ambiente intorno a noi e di individuare velocemente e con relativa precisione le fonti dei suoni.

Stasera parleremo dell'udito e dell'interpretazione del linguaggio.

Che differenza c'è tra un suono e il linguaggio?

Il linguaggio non è un semplice insieme di rumori, ma uno dei vettori primari della comunicazione umana e quando il cervello classifica una serie di suoni come “linguaggio” non si comporta come se ascoltassimo il cinguettio degli uccelli o il rumore del traffico, ma attiva tutta una serie di aree di elaborazione ed utilizza una serie di artifici che hanno lo scopo di estrarre dai “suoni” tutte le informazioni possibili.

Il linguaggio è composto da enunciati, a loro volta composti di parole con significati precisi e organizzati secondo precise regole grammaticali. Grazie a tutto questo possiamo esprimere significati molto complessi e articolati. Le parole sono a loro volta scomponibili in morfemi, suoni complessi che rappresentano significati univoci o che modificano il significato di altri morfemi. Parole e morfemi sono scomponibili in fonemi, suoni elementari che in parte possono corrispondere alle lettere.

Le lettere sono 25 mentre i fonemi nella nostra lingua sono circa il doppio. Ogni lingua ha una serie propria di fonemi che possono essere molto diversi. Alcune lingue hanno un numero molto superiore di fonemi e l'uomo è fisicamente in grado di produrne più di cento. Nella realtà ognuno di noi, da bambino, impara e si sintonizza sui fonemi tipici della propria lingua madre e l'apprendimento di nuovi fonemi è uno degli ostacoli principali quando studiamo una nuova lingua.

Quando parliamo normalmente produciamo circa 10-15 fonemi o suoni al secondo e se parliamo velocemente possiamo raddoppiare questo numero. La nostra capacità di ascolto è invece molto superiore, fino a 50 fonemi al secondo, un numero talmente elevato che comporta la sovrapposizione dei suoni tra loro.

In questo caso, come riusciamo a capire il messaggio?

L'ascoltatore conosce la lingua e le regole che questa rispetta e può prevedere quali suoni seguiranno, via via che ascolta, arrivando perfino a indovinare la o le parole che seguiranno. E' attraverso questa capacità di previsione che un madrelingua può ascoltare il proprio linguaggio ad alta velocità e riuscire a comprenderlo.

A livello del cervello, in presenza di un linguaggio le informazioni provenienti dall'udito vengono instradate ad aree cerebrali completamente diverse, dedicate appunto alla ricezione e decodifica del messaggio verbale.

Sono queste aree che ci permettono di comprendere il significato di un enunciato o una parola anche se ne abbiamo ascoltato una parte e che ci permettono di comprendere una pronuncia distorta o troppo veloce, o una voce coperta dal rumore del traffico.

Non hai mai avuto la sensazione di sapere già quello che sta per dire il tuo interlocutore solo ascoltando le prime parole?

Adesso sai perché. Decine e centinaia di migliaia di anni di selezione naturale hanno sviluppato nell'uomo questa capacità straordinaria mirata appunto alla comunicazione sociale, che permette di ricevere e comprendere il messaggio verbale al meglio, nonostante le situazioni.

In realtà in presenza del linguaggio il cervello non si limita ad attivare solo aree specifiche per la decodifica dei suoni, dopotutto è stato dimostrato che la comunicazione umana avviene per la maggior parte tramite il linguaggio non verbale o paraverbale. Quindi il cervello non fa solo quanto finora descritto, ma estrae informazioni dal tono della voce, dal timbro, dalle pause, dal ritmo e dalla modulazione dei fonemi e delle parole. E questo solo per quanto riguarda l'udito. In presenza dell'interlocutore, parallelamente a quanto visto finora, il cervello umano recepisce e decodifica anche l'espressione del viso, la postura, i gesti delle mani e i movimenti del corpo, dando a essi un significato o un'interpretazione emotiva, nella maggior parte dei casi inconscia o parzialmente conscia.

Di questo comunque parleremo approfonditamente nei prossimi post relativi alla comunicazione. Per stasera ci fermiamo qui.

Un'ultima domanda per te prima di lasciarci: ti sei mai chiesto perché la comunicazione è talmente importante da spingere a sviluppare e selezione tali capacità cerebrali?

Grazie dell'attenzione e a presto ;D

Qui puoi trovare gli altri articoli della rubrica

CULTURA
7 gennaio 2012
LA MENTE UMANA – L'udito alla nascita

 

I sensi sono lo strumento con cui interagiamo con il mondo esterno, sono loro che forniscono le informazioni di base sulla realtà che ci circonda, estraendole dal flusso di luce, suoni, odori, sapori, eccetera che ci avvolge costantemente. Ne abbiamo parlato nei post I SETTE SENSI 1 e 2 e IL FLUSSO, ma stasera vorrei soffermarmi una volta ancora sull'udito.

L'udito è il senso che ci permette di percepire i suoni, cioè un flusso di onde di energia generate dalla vibrazione di un corpo che si propagano attraverso l'aria e hanno frequenze percepibili dall'orecchio umano. Noi esseri umani siamo animali visivi, non c'è dubbio, siamo stati selezionati in questo modo attraverso la nostra evoluzione, ma con l'udito integriamo la nostra percezione visiva e risolviamo parte delle sue limitazioni. Un esempio lampante è che l'udito ci permette di controllare costantemente l'ambiente intorno a noi a 360° gradi, mentre la vista ha un campo di visione limitato.

Nel post “Il senso dell'udito e il senso del tempo” abbiamo esaminato la caratteristica forse più straordinaria del senso dell'udito: la percezione temporale degli eventi. Se con la vista percepiamo dove sono le cose, con l'udito capiamo quando si verifica un evento. Inoltre abbiamo visto come l'udito è il primo dei sensi che sviluppiamo nel ventre materno e le regioni cerebrali responsabili dell'udito sono le prime a terminare il processo di sviluppo.

Studi hanno dimostrato che per un corretto sviluppo cerebrale del feto nel grembo materno è necessario un'ampia gamma di rumori: la corteccia uditiva dei mammiferi ha bisogno di stimoli per sviluppare le connessioni tra i neuroni e gli stimoli sono i suoni che arrivano alla placenta, siano essi ambientali o la voce della mamma.

A questo proposito i neonati, anche se non capiscono quello che viene loro detto, sono molto sensibili al ritmo, accento e intonazione del linguaggio, per questo sono attratti dalla voce materna e hanno una spiccata preferenza per la lingua che hanno ascoltato nel corso del loro sviluppo. E' stato anche dimostrato che i bambini sono particolarmente sensibili alle variazioni delle componenti della voce umana: altezza, tono e durata, cioè agli aspetti emotivi del linguaggio, un'abilità fondamentale per stabilire rapporti sociali con chi si prende cura di loro. Questo prima che le parole dei genitori modellino la loro mente e il cervello in crescita.

Non è un caso quindi che un feto reagisca alla musica o a suoni forti e non è strano che sia la voce materna la componente principale di stimolo e che gli stimoli ideali siano proprio le ninnananne e il linguaggio melodico che istintivamente le madri usano quando si rivolgono ai loro piccoli.

Infine studi specifici hanno dimostrato che i bambini conservano la memoria delle esperienze sonore prenatali anche per molto tempo e che queste sono determinanti per la crescita cerebrale e non solo per lo sviluppo del linguaggio o per sviluppare la passione per la musicalità.

Un argomento affascinante, non credi?

Non è solo un invito a parlare alle pance delle mamme, ma a considerare l'udito come un senso chiave per l'essere umano, sempre e non solo quando questo viene perduto o danneggiato, come nel caso delle persone lesionate o degli anziani, limitando la loro comunicazione e i loro rapporti sociali.

L'udito ha ancora molti aspetti affascinanti che affronteremo insieme in altri post futuri. Per stasera è tutto. Ti ringrazio dell'attenzione.

A presto ;D

CULTURA
22 ottobre 2011
LA MENTE UMANA – Il senso dell'udito e il senso del tempo

 

Nel post “I sette sensi” (qui e qui) abbiamo descritto le nostre fonti di informazioni primarie, i sensi, e tra questi l'udito. Se ricordi dicevamo che, il suono non è altro che un flusso di onde sonore, cioè di onde di energia generate dalla vibrazione di un corpo che si propagano attraverso l'aria e hanno frequenze percepibili dall'orecchio umano, l'organo preposto a udire. Quando le onde sonore colpiscono il padiglione auricolare, vengono convogliate nell'orecchio interno, amplificate e trasformate in impulsi elettrici (il linguaggio del cervello) dalla coclea. Attraverso il nervo acustico, gli impulsi raggiungono quell'area del cervello che si occupa di tradurli in informazioni comprensibili.

Semplice e meraviglioso, no?

In realtà questo senso va oltre al semplice “udire” e soprattutto è molto diverso dalla vista. Noi siamo animali visivi, non c'è dubbio, siamo stati selezionati in questo modo attraverso la nostra evoluzione, ma con l'udito integriamo la nostra percezione visiva e risolviamo parte delle sue limitazioni. Un esempio lampante è che l'udito ci permette di controllare costantemente l'ambiente intorno a noi a 360° gradi, mentre la vista ha un campo di visione limitato.

Come pensi sarebbe la nostra visione della realtà senza l'udito?

Immagina di vedere un film senza audio. Come ti sembrerebbe? Normalmente non ci rendiamo conto dell'importanza della “colonna sonora” della nostra vita, ma un audioleso ci direbbe quanto la vita sia diversa e limitata senza l'udito.

Torniamo al confronto tra vista e udito: in molti pensano che le orecchie e gli occhi e i rispettivi sistemi cerebrali funzionino in modo simile, ma è così?

Tu cosa ne pensi?

Luce e suono sono stimoli profondamente diversi: la luce tende ad essere continua e onnipresente, mentre il suono si genera quando uno o più oggetti si spostano, vibrano, si scontrano, si rompono, eccetera. Non a caso l'udito è il primo dei sensi che sviluppiamo nel ventre materno e le regioni cerebrali responsabili dell'udito sono le prime a terminare il processo di sviluppo, mentre il sistema visivo completa il suo sviluppo mesi dopo la nascita. Inoltre l'udito è l'ultimo senso ad abbandonarci quando perdiamo conoscenza e il primo a essere ripristinato quando riprendiamo conoscenza.

La caratteristica più straordinaria dell'udito che lo differenzia di più dalla vista è la percezione temporale degli eventi. Quando vediamo un film in realtà vediamo una sequenza di immagini separate, ma se la proiezione è di 25 immagini al secondo o più noi non la percepiamo come sequenza ma come un flusso continuo. Il nostro udito invece è capace di percepire sequenze sonore quattro volte più veloci ed anche di più prima che la sequenza inizi ad apparirci come un flusso sensoriale continuo.

Come è possibile?

Per quanto riguarda la vista, abbiamo visto come l'impulso luminoso colpisce la retina e attraverso un processo chimico viene trasformato in impulso elettrico e inviato al cervello. Nell'orecchio le vibrazioni sonore viaggiano attraverso il canale auricolare, poi attraverso il timpano e gli ossicini dell'orecchio interno fino alla coclea, un osso con la forma del guscio di lumaca e dalle caratteristiche straordinarie.

Al suo interno si trova la membrana basilare, che grazie alla sua forma vibra a frequenze diverse in punti diversi della sua superficie. E' qui che i suoni sono trasformati in impulsi elettrici tramite un processo meccanico. La membrana basilare è ricoperta di recettori chiamati cellule ciliate, in quanto sono ricoperti di peli a loro volta collegati a filamenti. Quando la membrana si muove i filamenti si tendono e aprono piccoli canali sulla superficie dei peli, permettendo a certi atomi presenti nel fluido circostante di entrare nelle cellule cigliate e generare l'impulso elettrico.

Anche i movimenti più piccoli possono determinare una reazione, per questo possiamo sentire suoni a frequenze anche molto basse e percepirne ogni singolo impulso. Mentre in presenza di suoni ad alte frequenze riusciamo a valutare l'intensità media degli impulsi. Inoltre le cellule cerebrali del sistema uditivo sono in grado di attivarsi più frequentemente degli altri neuroni, fino a cinquecento volte al secondo. Tutto questo ci permette di percepire e trarre informazioni da frequenze molto diverse, dai 20 a 20000 Hz (battiti al secondo). Tra queste informazioni c'è quella della collocazione temporale delle onde sonore, su cui si basa la nostra sensibilità temporale. Ebbene un orecchio allenato arriva a percepire interruzioni in suoni di un millesimo di secondo, un trentesimo del tempo che ci è necessario per percepire un'immagine. Non a caso reagiamo a un impulso sonoro minaccioso prima ancora di vedere l'effettiva minaccia.

Riassumendo possiamo dire che con la vista percepiamo dove sono le cose, ma con l'udito capiamo quando si verifica un evento.

In realtà il nostro senso dell'udito fa molto altro, ma stasera ci siamo dilungati molto, quindi ne parleremo nei prossimi post sull'argomento.

Mi scuso per i particolari “tecnici”, ma non è stato così drammatico, vero?

Una domanda per te prima di lasciarci: come cambierebbe la nostra percezione del tempo senza il senso dell'udito?

A presto ;D


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. mente cervello udito tempo senso suono

permalink | inviato da Elnor il 22/10/2011 alle 14:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
SCIENZA
3 maggio 2011
I SETTE SENSI - 1


Nel post precedente relativo all'informazione (qui) abbiamo visto che in essenza l'informazione si acquisisce tramite i sensi.

L'uomo percepisce e definisce la realtà che lo circonda con i sensi che l'evoluzione gli ha fornito. Nello stesso modo acquisisce le informazioni: dalla visione della pioggia fuori dalla finestra alla lettura del giornale, dal profumo del cibo alla lettura del linguaggio corporeo dei proprio simili, dal trillo del cellulare alle carezze della persona amata.

I sensi sono sette. Sì, proprio sette, e non parlo del sesto senso dei romanzi o di altre fantasie. I sensi sono:

  1. la vista
  2. l'udito
  3. il tatto
  4. l'olfatto
  5. il gusto
  6. il senso dell'equilibrio
  7. e la propriocezione 

Cos'è la propriocezione? Seguimi e lo scoprirai.

Vista. I nostri occhi hanno la capacità di tradurre la luce attorno a noi in immagini. La luce è un flusso di onde elettromagnetiche la cui lunghezza d'onda determina il colore delle cose che ci circondano. Ogni oggetto colpito dalla luce, ne assorbe una parte, il restante viene riflesso e quando raggiunge i nostri occhi, l'onda luminosa stimola la retina (più di cento milioni di recettori), l'organo deputato a tradurre lo stimolo in impulsi elettrici, il linguaggio del cervello. Attraverso il nervo ottico gli impulsi raggiungono il cervello dove vengono elaborati in immagini.

Così sembra facile, vero? In effetti non è così.

Se ti dicessi che l'immagine che colpisce la retina è rovesciata? E' il cervello che la "raddrizza". Sai che le nostre retine hanno un punto cieco? E' il cervello che lo compensa, ma fa ben altro: mentre tu guardi ti fornisce il senso della profondità, cioè traduce le immagini dei singoli occhi in un'immagine tridimensionale, a cui aggiunge la percezione prospettica, cioè a seconda delle dimensioni di un oggetto o di una persona, ne interpreta la distanza (questo può anche dar vita a illusioni visive).

Inoltre il cervello in tempo reale scansiona incessantemente e riconosce i contorni delle cose e le identifica, riconosce i tratti dei volti, la loro espressività e l'emotività che esprimono. Infine è molto sensibile ai movimenti. Hai mai notato che gli occhi si muovono continuamente, anche quando fissi intensamente qualcosa? Questi movimenti impercettibili servono per dare immagini sempre diverse dell'ambiente attorno a noi e individuare il movimento tramite il confronto dei fotogrammi. Senza movimenti oculari cessiamo di vedere, o meglio il nostro cervello cessa di vedere.

Impressionante, no?

Noi esseri umani discendiamo dalle scimmie e come tali ci affidiamo notevolmente alla vista, senso privilegiato dalla selezione naturale. Sia come preda che come predatore, la vista è servita ai nostri progenitori per individuare minacce o prede il più velocemente possibile, per scappare nel primo caso, per ottenere cibo nel secondo. La selezione ha privilegiato chi elaborava più velocemente le immagini, chi reagiva più prontamente.

Ancora oggi le immagini del mondo intorno a noi arrivano ad aree primitive del nostro cervello e possono scatenare reazioni emotive, quali la paura o la rabbia, senza che la mente più evoluta possa filtrare o interpretarne il contenuto. La vista è un canale diretto a parti profonde del nostro cervello, diciamo al lato primitivo dell'essere umano. Non a caso si dice che un'immagine val più di mille parole.

Udito. Il suono non è altro che un flusso di onde sonore, cioè di onde di energia generate dalla vibrazione di un corpo che si propagano attraverso l'aria e hanno frequenze percepibili dall'orecchio umano, l'organo preposto a udire. Quando le onde sonore colpiscono il padiglione auricolare, vengono convogliate nell'orecchio interno, amplificate e trasformate in impulsi elettrici (il linguaggio del cervello) dalla coclea. Attraverso il nervo acustico, gli impulsi raggiungono quell'area del cervello che si occupa di tradurli in informazioni comprensibili. La memoria ci aiuta a identificare il suono.

Nemmeno questa volta la cosa finisce qui. In primo luogo il cervello riconosce direzione e distanza del suono confrontando gli impulsi provenienti dai due orecchi, ne valuta l'intensità e la lunghezza d'onda, è capace di riconoscere echi e distorsioni. In presenza di parole il cervello non si limita a interpretare il messaggio, ma valuta anche il tono, il volume, il timbro con cui vengono dette, la velocità e le pause di chi parla e in presenza di informazioni visive le collega alla postura, all'espressività del viso e così via.

Continueremo la carrellata dei sensi nei prossimi post. Come avrai capito, lo scopo di questi post è attirare la tua attenzione sul mezzo attraverso cui l'informazione ci arriva, i sensi, e su come il cervello la elabora.

Nel frattempo chiediti: l'informazione è solo ciò che ci arriva attraverso la comunicazione? Allora cos'è la visione del mondo meraviglioso in cui viviamo, dal traffico cittadino ai tramonti della nostra vita?

Grazie dell'attenzione e arrivederci a presto ;D

Qui trovate la seconda parte del post


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. informazione vista sensi udito

permalink | inviato da Elnor il 3/5/2011 alle 21:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
   maggio        luglio

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte

Scegliere

Ogni scelta che facciamo modella la nostra vita. Ogni singola scelta. E' fondamentale per ognuno di noi diventare consapevoli delle nostre decisioniQuesto blog vuole fornire spunti, informazioni, risposte, domande e risorse sul "prendere decisioni".

Gli argomenti trattati sono: l'informazione, la psicologia, il coaching, i bisogni umani, le emozioni, la consapevolezza.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001

Licenza Creative Commons
I contenuti di questo blog sono concessi in licenza sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported.

 

Liquida

 

BlogItalia - La directory italiana dei blog

Directory

Aggregatore

Informazione

GiornaleBlog Notizie dai Blog Italiani

modificare foto

WebShake – intrattenimento

Directory Yoweb.it

hostgator coupon

Miglior Blog




IL CANNOCCHIALE